Siena

Living Stones Group Siena 
Contact: Decoroso Verrengia – pietrevivesiena@gmail.com  

 

Free Guided Tours 

 

Duomo di Siena 

 

Dates of Our Service:
October 29, 2016
November 26, 2016
December 10, 2016

 

For further information see Calendar and Facebook

 

Our Community

IMG_2609


The ‘Living Stones’ Community from Siena was born after experiencing an evangelization and the service it provides: over the last years, we requested the Living Stones as guides for our visits in different cities. Getting in touch with this reality has aroused in our heart the desire to start forming ourselves in order to inwardly participate in the beauty that welcomes our prayer every day, and that reminds us of the beauty God has coloured our lives with. We are a very young community, which has begun to take its first steps last year in December.


We tried to spiritually enter a dimension of community prayer right from the start, and, on a more practical side, we started with the choice of the church that would host us: the cathedral.


With its long history, the complex of the Cathedral of Siena represents one of the most famous monuments in the western artistic scene. The present building, with both Romanesque and Gothic features, is entitled to the Virgin in the Assumption, the patron saint of the city. According to tradition, the first building was built around the ninth century, replacing an ancient temple dedicated to the goddess Minerva. However, only from the second quarter of the thirteenth century the archive documents allow us to follow the building phases of the cathedral.


Countless masterpieces are preserved inside. In many respects, the most remarkable one is without doubt the Floor, elaborated with the technique of marble intarsia and whose decoration – which includes fifty-six panes and datable between the fourteenth and nineteenth centuries – numerous artists contributed to. The quality of the sculptures is at the highest level, with masterpieces from the Middle Ages, Renaissance and Baroque age: the Pulpit by Nicola Pisano (1265-68), the decorative cycle prepared by his son John for the facade (1287-98), the St. John the Baptist bronze statue by Donatello (1455-57), the statues sculpted by the young Michelangelo for the chart of the Piccolomini altar (1501-04), or by Gian Lorenzo Bernini for the Chapel of the Madonna del Voto (ca. 1660). The range of pictorial evidence is not less rich, and of it we will definitely have to remember the impressive cycle of frescoes in the apse, by the Sienese Domenico Beccafumi executed between 1535 and 1544, and describing the Ascension of Christ in Glory, a Virgin with Saints Peter and Paul and two groups of Apostles (later modified in their iconographic structure because of the 1798 earthquake damage); the beautiful painting of the Sermon of St. Bernardino by Mattia Preti (also known as the “Cavalier Calabrese”), sent to Siena from the island of Malta in 1674.


Being a ‘newborn’ community, we are dedicating our time to both artistic and spiritual training, in order to welcome pilgrims as “Blessed is the one who comes in the name of the Lord” (Psalm 117). Our first day of service as Living Stones is on Saturday, September 24, which will inaugurate the monthly meetings of 2016, set for October 29, November 26 and December 10.


Our community is quite numerous: eighteen Living Stones, accompanied by a priest, the Rector of the University Chapel of Siena, and two sisters of the order ‘Figlie della Chiesa’, precious guides on the path of prayer, opening ourselves up to Ignatian spirituality. We were born within the young ministry of the University Chapel and the cultural contexts in which each of us spent his or her formation are varied: between us there is only one art historian who is busy taking care of our artistic preparation and entirely following it. We meet once a week and, in the meetings that do not involve the study of the church, we practice in the Ignatian prayer style, preparing the physical and inner place where everyone can meditate or contemplate the chosen biblical text, entering there thanks to the delicate and deep paths prepared by the religious people at the service of the community. After the personal conversation with the Lord, we always leave space to a free sharing that makes us grow in the will to give ourselves and accept the others. Among our Living Stones there are both students and young workers: we are confident about being able to attract accessions from context in which we were born, promoting the service and other activities designed for this purpose, hoping to build a young community with many trainers started on the journey from now and ready to pass down their organizational experience and the practical one in opening the heart in prayer and evangelization. To contact us or know us better, you can send an e-mail to the following address: pietrevivesiena@gmail.com


La Comunità Pietre Vive di Siena è nata da un’esperienza di evangelizzazione vissuta ricevendone il servizio: negli ultimi anni, per le nostre visite in diverse città, abbiamo richiesto delle pietre vive come guide. Entrare in contatto con questa realtà ci ha acceso nel cuore il desiderio di iniziare a formarci per partecipare interiormente alla bellezza che accoglie ogni giorno la nostra preghiera e che ci ricorda quella di cui Dio ha colorato le nostre vite. Siamo una comunità molto recente, che ha iniziato a muovere i suoi primi passi nel dicembre dell’anno appena trascorso. Abbiamo iniziato, fin da subito, impegnandoci ad entrare spiritualmente in una dimensione di preghiera comunitaria, e, su un fronte più pratico, con la scelta della chiesa che ci avrebbe ospitato, caduta sulla cattedrale della nostra città.


Con la sua storia millenaria, il complesso del Duomo di Siena si configura come uno dei monumenti più insigni nel panorama dell’arte occidentale. L’odierno edificio, dai caratteri romanici e gotici a un tempo, è intitolato alla Vergine Assunta, patrona della città. Secondo la tradizione, la prima costruzione fu eretta intorno al IX secolo, in luogo di un antico tempio dedicato alla dea Minerva. Tuttavia, è solo dal secondo quarto del XIII secolo che i documenti d’archivio consentono di seguire le vicende costruttive della cattedrale.
Al suo interno si conservano innumerevoli capolavori. Sotto molti punti di vista, l’opera più singolare è senza dubbio il Pavimento elaborato a commessi marmorei, alla cui decorazione – comprensiva di cinquantasei riquadri e databile tra il XIV e il XIX secolo – presero parte numerosi artisti. Di altissimo livello è inoltre la qualità delle sculture, con capolavori che abbracciano Medioevo, Rinascimento ed età barocca: dal Pulpito di Nicola Pisano (1265-68) al ciclo decorativo predisposto dal figlio Giovanni per la facciata (1287-98); dal San Giovanni Battista bronzeo di Donatello (1455-57) alle statue scolpite dal giovane Michelangelo per il prospetto dell’altare Piccolomini (1501-04), o da Gian Lorenzo Bernini per la Cappella della Madonna del Voto (1660 ca.). Non meno ricca è la gamma di testimonianze pittoriche, della quale andranno senz’altro ricordati l’imponente ciclo d’affreschi dell’abside, opera del senese Domenico Beccafumi eseguita tra il 1535 e il 1544, e un tempo raffigurante l’Ascensione di Cristo in Gloria, una Vergine tra i Santi Pietro e Paolo e due gruppi di Apostoli (poi modificati nel loro assetto iconografico a causa dei danni del terremoto del 1798); e la splendida tela con la Predica di San Bernardino di Mattia Preti (alias il “Cavalier Calabrese”), inviata a Siena, dall’isola di Malta, nel 1674.


Essendo una comunità ‘neonata’, stiamo concentrando il nostro tempo sulla formazione sia artistica che spirituale, per accogliere il pellegrino come “Benedetto colui che viene nel nome del Signore” (Salmo 117). La nostra prima giornata di servizio Pietre Vive sarà sabato 24 settembre, che inaugurerà gli appuntamenti mensili del 2016, fissati per il 29 ottobre, il 26 novembre e il 10 dicembre.


La nostra comunità è abbastanza numerosa: diciotto pietre vive, accompagnate da un sacerdote, Rettore della Cappella Universitaria di Siena, e due Suore dell’ordine ‘Figlie della Chiesa’, preziose guide nel cammino di preghiera, aprendoci alla spiritualità ignaziana. Siamo nati in seno alla pastorale giovanile della Cappella Universitaria e siamo molto variegati nei singoli ambiti culturali in cui abbiamo speso la nostra formazione: tra di noi vi è un solo storico dell’arte che si sta occupando di curare e seguire interamente la nostra preparazione artistica. Ci incontriamo a cadenza settimanale e, negli incontri non destinati allo studio della chiesa, ci esercitiamo nello stile di preghiera ignaziano, preparando il luogo fisico ed interiore in cui ognuno potrà meditare o contemplare il testo biblico scelto, entrandovi anche grazie ai percorsi delicati e profondi, preparati dai religiosi a servizio della comunità. Dopo il colloquio personale con il Signore, lasciamo sempre del tempo ad una condivisione libera che ci fa crescere nel dono di sé e nell’accoglienza dell’altro. Tra le nostre pietre vive vi sono sia studenti che giovani lavoratori: siamo pieni di fiducia nel poter continuare ad attrarre adesioni grazie al contesto in cui siamo nati, promuovendo il servizio ed altre attività pensate a questo scopo, mirando alla costruzione di una comunità ricca di giovani con molti formatori che, avviati nel cammino fin da ora, saranno pronti a trasmettere la loro esperienza organizzativa e il loro esercizio all’apertura del cuore nella preghiera e nell’annuncio.
Per contattarci o conoscerci meglio, è possibile scrivere all’indirizzo e-mail pietrevivesiena@gmail.com